Quando Shigeru Miyamoto è apparso sul palco dell’ ultima conferenza di Apple  per svelare Super Mario Run , l’intero mondo videoludico ha percepito distintamente che qualcosa stava cambiando, forse per sempre. La madre di quello che è oggi il videogioco, mai scesa a compromessi con il mercato rivale, qualunque fosse la sua natura, si è mostrata al fianco di un competitor forse non diretto ma per certi versi anche più temibile.

Eppure, durante l’evento Super Mario è apparso per la prima volta su un dispositivo portatile non di proprietà di Nintendo, un iPhone, e senza dubbio non si potrà tornare indietro.

La svolta era cominciata con l’arrivo di Miitomo , la prima volta di Nintendo nel mercato mobile, seguita poi dallo sconvolgente successo di Pokémon Go . Un vero fenomeno di massa, che è stato capace di catalizzare l’attenzione mondiale per diversi mesi e che ha saputo rilanciare con forza il marchio dell’azienda giapponese insieme all’ottima gestione dell’immagine promozionale di Switch , l’ultima attesissima console Nintendo che arriverà sul mercato il prossimo marzo.

La decisione di Nintendo di rendere disponibili alcune sue figure iconiche su dispositivi mobili, tablet e smartphone, era stata accolta con scetticismo dai fan, almeno fino al successo planetario avuto da Pokémon GO . Il ciclone Pokémon GO è stato il giro di volta che ha ridato linfa vitale ai Pocket Monsters, consacrando Sole e Luna , titoli recentemente usciti per sistemi Nintendo DS, come il miglior lancio mondiale Pokémon di sempre. 

Nintendo non nasconde la soddisfazione e pensa che il lancio di Super Mario Run per dispositivi IOS possa seguire la scia dei Piccoli Monsters. Usare l’effetto nostalgia , raggiungendo il cuore di quei bambini ormai cresciuti, ma memori dei pomeriggi passati in compagnia dell’idraulico Mario e contemporaneamente avvicinare nuove leve di videogiocatori, abituate allo smartphone, all’universo fantastico e colorato di Nintendo, aumentando così il suo bacino d’utenza. 

Nella Modalità Sfide Toad sarà possibile gareggiare con amici o perfetti sconosciuti selezionati tra quelli con abilità e punteggi simili ai nostri. Questa modalità è asincrona, non si gioca in tempo reale, ma si cerca di battere un risultato già realizzato.