OneDrive è stato annunciato ufficialmente il 27 gennaio 2014. In realtà, si tratta del rebranding del precedente SkyDrive, il servizio di cloud storage offerto da Microsoft fin dal 2007, che in questi sette anni ha ricevuto numerosi aggiornamenti in termini di interfaccia, funzionalità e compatibilità con i sistemi operativi. Oggi, OneDrive è integrato in Windows 8.1 ed è disponibile su Windows, Mac OS X, Windows Phone, iOS, Android, Xbox 360 e Xbox One. Lo spazio gratuito è pari a 15 GB, ma può aumentare tramite bonus. Sottoscrivendo un abbonamento si possono superare i 200 GB.

«Un unico posto per tutti i tuoi contenuti». Questo è il motto scelto da Microsoft per presentare OneDrive , il servizio di cloud storage che permette di archiviare e condividere facilmente foto, video, documenti e altri contenuti, ovunque e su qualsiasi dispositivo, gratuitamente . Il simbolo è quello di una nuvola blu poiché è nel “cloud” che l’utente va a depositare i propri file: un archivio remoto, sempre disponibile, raggiungibile da qualsiasi piattaforma, per avere i propri file sempre a disposizione.

Nel giugno 2013, BSkyB portò Microsoft in tribunale, in quanto il nome SkyDrive conteneva il termine “Sky” che poteva trarre in inganno gli utenti dell’operatore di pay TV britannico. Un mese dopo, le due aziende annunciarono un accordo in base al quale Microsoft accettò di cambiare il nome del servizio. A fine gennaio 2014, SkyDrive e SkyDrive Pro divennero rispettivamente OneDrive e OneDrive for Business .

Video - 18 minuti Tra due giorni il film di James Mangold approderà nelle nostre sale. Ecco un breve assaggio doppiato in italiano. Guarda

Trailer - 41 minuti Walt Disney Pictures e Pixar hanno pubblicato un nuovo trailer di 90 secondi con alcune scene inedite. Il film sarà in Italia a metà settembre. Guarda

Notizie - 1 ora, 49 minuti A Katowice si sfideranno i migliori giocatori del mondo, in uno degli eventi eSport più importanti dell'anno. Leggi

All’appuntamento di E3 2016 , Microsoft ha presentato la nuova console Xbox One S , sostanzialmente una versione “Slim” dell’attuale console caratterizzata da alcuni aggiornamenti tecnici come dimensioni più contenute del 40%, il supporto al 4K per i video, il supporto all’ HDR per i video ed i giochi ed un nuovo controller. Tuttavia, Rod Ferguson , il capo di The Coalition , aveva evidenziato come la nuova console disponeva anche di maggiore potenza sia lato CPU che lato GPU e che tale “extra” avrebbe potuto essere sfruttato per realizzare giochi di qualità migliore.

In altri termini, le modifiche alla CPU ed alla GPU sono state fatte solo per garantire l’utilizzo dell’HDR ma non offrono reali vantaggi in termini prestazionali.

Un vero salto generazione per quanto riguarda le prestazioni di CPU e della GPU arriverà solo con il lancio della nuova console, nome in codice Scorpio . Per quanto riguarda, invece, la nuova console che arriverà solamente nel 2017, Phil Spencer ha spiegato che porterà reali vantaggi solamente a tutti i giocatori che utilizzano un televisore 4K. Per chi utilizza TV HD o Full HD le differenze rispetto ad oggi saranno impalpabili.

Una nuova carta è disponibile su Clash Royale. Dopo il Boia il mese scorso, è ora il turno della Gang di Goblin (Goblin Gang in inglese), che costa 3 elisir e spawna sei truppe, tre goblin con lancia e tre goblin normali. I tre goblin con lancia sono sempre dietro quelli normali, così che vengano protetti. Se si usassero le precedenti carte dei Goblin per ottenere lo stesso numero di truppe, il tutto costerebbe un elisir in più. Il vantaggio è doppio se si considera che qui la carta è una sola. Per sbloccare la Gang di Goblin si dovrà raggiungere l’Arena 9, la Jungle Arena. La carta sembra piuttosto efficace, ma per un giudizio preciso bisognerà…

Paladins, lo sparatutto multiplayer free to play di Hi-Rez studios che aveva fatto registrare numeri da capogiro in beta, è oggi sotto attacco di pesanti accuse di pay to win da parte della community. In un post su reddit, un utente individua le cause principali che rendono il gioco non più godibile. Prima della patch OB44 gli eroi costavano circa 5000 gold, e se ne guadagnavano tanti (oltre 500) ad ogni vittoria: da ciò derivava il fatto che acquisire nuovi eroi tutto sommato non era poi così difficile nè lungo. A ciò si andava a sommare il mazzo di carte per ogni eroe: da esso se ne prendevano cinque che costituivano l’equipaggiamento del personaggio. Il costo di ogni…